Crea sito

Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Sezione dedicata a discussioni tecniche relative all'allevamento del Pastore Tedesco e sue regolamentazioni

Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda Deleide » 30/04/2015, 8:15

Buongiorno a tutti, è la prima volta che scrivo e lo faccio in attesa di sapere come comportarmi con l'allevatore che mi ha venduto il cucciolo..
Vorrei proprio un consiglio da voi esperti.
Ho acquistato un mese fa un cucciolo che arriverà a fine mese, figlio di campioni premiati, con un ottimo pedigree (secondo l'allevatore). l'ho pagato caro, circa 1800 euro, da saldare alla consegna. Peccato che l'allevatore aveva omesso un piccolo particolare...
Non mi aveva detto, fino al momento in cui ho visto i pedigree dei genitori, che il padre e la madre sono fratellastri (stesso padre, diversa madre). Mi ha detto che questo è stato fatto per fissare le belle caratteristiche della razza e varie nozioni di genetica che nemmeno ricordo. Mi sono fidata di lui.
Il punto è questo. Ho chiamato l'Enci per delucidazioni e mi hanno detto che ci saranno problemi quando vorrò e se vorrò far diventare il mio cucciolo un riproduttore selezionato, perchè l'Enci ha messo la regola che i 4 nonni devono essere diversi e che il cane andrà in coda ai 100 iscritti prima di lui, se dovesse risultare il 101esimo, scalerà la richiesta all'anno successivo... Il problema è che ogni anno mi ha detto che ci sono tra le 200 e 300 richeiste e quindi non sarò mai in lista.
Ora mi chiedo, avrebbe dovuto avvisarmi l'allevatore di questo piccolo particolare? avrei ottenuto un prezzo più basso sul cucciolo? Cosa devo fare secondo voi ora? Falo presente all'allevatore e chiedere uno sxonto oppure no? Grazie a chi vorrà aiutarmi.
Deleide
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 29/04/2015, 16:35
Sesso: F
Età: 35
Chi sono: Appassionato di lunga data (oltre 10 anni)

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda Tex&Marcomgn » 30/04/2015, 8:41

Ciao Deleide,
benvenuta. Sarebbe gradita una Tua presentazione nell'apposita sezione cosi che tutti possano conoscerti e salutarti [98] [98]
Avatar utente
Tex&Marcomgn
 
Messaggi: 4384
Iscritto il: 13/11/2014, 18:25
Sesso: M
Età: 42
Chi sono: Appassionato di lunga data (oltre 10 anni)

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda Ichnusa1981 » 30/04/2015, 8:49

Ho spostato la discussione nella sezione e più adatta
BOHEMIAN GROW FELIX, K9 ESERCITO ITALIANO, specializzazione PATROL EXPLOSIVE DETECTION DOG, matricola CN 0267 impiegato in Libano (2011) e Afghanistan(2012/13 e 2015/16), BUDAPEST 01/02/2008-GROSSETO 30/05/2018
ONORE A TE
Immagine
ciao Prisca non mi dimenticherò mai di te
Avatar utente
Ichnusa1981
 
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/11/2014, 17:47
Località: Grosseto, con la Sardegna nel cuore
Sesso: M
Età: 37
Chi sono: Conducente cinofilo forze armate

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda katerpiler » 30/04/2015, 9:03

Deleide ha scritto:Buongiorno a tutti, è la prima volta che scrivo e lo faccio in attesa di sapere come comportarmi con l'allevatore che mi ha venduto il cucciolo..
Vorrei proprio un consiglio da voi esperti.
Ho acquistato un mese fa un cucciolo che arriverà a fine mese, figlio di campioni premiati, con un ottimo pedigree (secondo l'allevatore). l'ho pagato caro, circa 1800 euro, da saldare alla consegna. Peccato che l'allevatore aveva omesso un piccolo particolare...
Non mi aveva detto, fino al momento in cui ho visto i pedigree dei genitori, che il padre e la madre sono fratellastri (stesso padre, diversa madre). Mi ha detto che questo è stato fatto per fissare le belle caratteristiche della razza e varie nozioni di genetica che nemmeno ricordo. Mi sono fidata di lui.
Il punto è questo. Ho chiamato l'Enci per delucidazioni e mi hanno detto che ci saranno problemi quando vorrò e se vorrò far diventare il mio cucciolo un riproduttore selezionato, perchè l'Enci ha messo la regola che i 4 nonni devono essere diversi e che il cane andrà in coda ai 100 iscritti prima di lui, se dovesse risultare il 101esimo, scalerà la richiesta all'anno successivo... Il problema è che ogni anno mi ha detto che ci sono tra le 200 e 300 richeiste e quindi non sarò mai in lista.
Ora mi chiedo, avrebbe dovuto avvisarmi l'allevatore di questo piccolo particolare? avrei ottenuto un prezzo più basso sul cucciolo? Cosa devo fare secondo voi ora? Falo presente all'allevatore e chiedere uno sxonto oppure no? Grazie a chi vorrà aiutarmi.

Cioé una consaguineitá 2-2 ? Io ricordavo che il massimo consentito é 3-2
Immagine
katerpiler
 
Messaggi: 526
Iscritto il: 19/12/2014, 22:59
Sesso: M
Età: 21
Chi sono: Comportamentalista

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda Deleide » 30/04/2015, 9:12

Scusate ma non me ne intendo, non sono un'allevatrice.. non so cosa sia 2-2. Comunque l'Enci mi dice che non c'è problema a livello etico. E oltretutto mi hanno parlato di un coefficiente 0,125 che è consentito... non so cosa sia 2-2.
Grazie
Deleide
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 29/04/2015, 16:35
Sesso: F
Età: 35
Chi sono: Appassionato di lunga data (oltre 10 anni)

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda Robby » 30/04/2015, 9:46

I cani sottoposti alla prova di selezione devono avere una consanguineità massima consentita 2-3 o 3-2. (Regolamento SAS per accedere alla prova di selezione)
Prova a chiedere cosa significhi questo all'allevatore che ti ha venduto un cucciolo per la modica cifra di 1.800 eurozzi....
Per quanto riguardante invece le nozioni di genetica che ti ha così amabilmente elargito, spiegagli che la consanguineità stretta (inbreeding - ma perché non usate l'italiano?) viene di solito utilizzata agli esordi della creazione di una razza, esattamente per fissare le caratteristiche che saranno poi ben definite in uno standard, ma se da un lato fissiamo caratteristiche che possono essere positive sia a livello morfologico che, si spera, caratteriale, dall'altro le leggi della genetica ci insegnano che eventuali problematiche a livello di salute, vengono amplificate e la possibilità di incorrere in patologie, molto maggiore rispetto ad un accoppiamento in outcrossing (che in italiano traduciamo come incrocio tra soggetti non imparentati tra loro). Classico l'esempio del meticcio o del buon bastardino che, di solito, percentualmente parlando, possiedono una salute migliore rispetto ai soggetti di razza.
Quanto alla codifica numerica sopra esposta:
per 1 intendiamo il padre o la madre
per 2 intendiamo il nonno o la nonna
per 3 intendiamo il bisnonno o la bisnonna
e via di seguito..
percio 2 - 3 significa (a sinistra il padre, a destra la madre) che il cucciolo ha nel pedigree, Fido come nonno paterno, e ancora Fido come bisnonno materno.
Ecco, adesso hai molti elementi coi quali poter parlare con "l'allevatore".
Il mio consiglio? 1,800 euro se li vada a guadagnare nei campi a raccogliere la frutta.....
Avatar utente
Robby
 
Messaggi: 1150
Iscritto il: 12/11/2014, 23:16
Sesso: M
Età: 0
Chi sono: Comportamentalista

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda Deleide » 30/04/2015, 9:56

Grazie, sei stato molto esaustivo e gentile. Sono furiosa... mi ero fidata di lui e ora non so che fare. Non voglio rinunciare al mio cucciolo, l'ho conosciuto. A questo punto pretendo mi abbassi la cifra e che sia sano, ma ormai questa garanzia non me la può dare piu... Però ho sentito Enci e mi dicono che per quanto riguarda la salute i problemi ci sarebbero se fosse ricerrente nel pedigree una consanguineità. In questo caso è solo una volta, quindi credo che ci siano le stesse probabilità di problemi genetici che in tutti gli altri o sbaglio?
Deleide
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 29/04/2015, 16:35
Sesso: F
Età: 35
Chi sono: Appassionato di lunga data (oltre 10 anni)

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda LauraeArek » 30/04/2015, 10:19

toglimi una curiosità..con che presupposti sta acquistando questo cucciolo?

Perchè una volta che si è capito questo potrai percorrere la strada piu giusta....

parliamoci chiaro, in tutta onestà 1800 euro per un cucciolo da compagnia a me sembra una follia, ne deduco che tu voglia far qualcosa a livello espositivo e di selezione, ne consegue, che la cosa migliore da fare per calcare il ring e poi il campo di addestramento, sia farsi affiancare da un addestratore che abbia voglia di insegnare e farti portare avanti un cucciolo (o cucciola) promettente.

fidati, non li danno al primo che capita, anche perchè è una cosa molto impegnativa e dispendiosa, portare i cani in gara vuol dire bruciarsi tutto il tempo libero e vedere il cane diversamente rispetto ad un membro della famiglia. Vuol dire che un giorno forse, se sei fortunata (o sfortunata se lo vedi come un compagno di vita) dovrai separartene perchè andrà a fare lo stallone in qualche altro stato ( :mrgreen: beh...son gran pochi i cani che vanno eh..)

Una volta capito cosa tu vorrai da questo cucciolo, potrai tirare le somme e valutare meglio il tutto.
...Prisca ... non ti dimenticheremo mai...
..Arek .. Morghi.. Rex.. per sempre nel mio cuore....
Avatar utente
LauraeArek
 
Messaggi: 2797
Iscritto il: 12/11/2014, 21:30
Località: Trentino
Sesso: f
Età: 0
Chi sono: Appassionato di lunga data (oltre 10 anni)

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda LauraeArek » 30/04/2015, 10:20

Robby ha scritto:I cani sottoposti alla prova di selezione devono avere una consanguineità massima consentita 2-3 o 3-2. (Regolamento SAS per accedere alla prova di selezione)
Prova a chiedere cosa significhi questo all'allevatore che ti ha venduto un cucciolo per la modica cifra di 1.800 eurozzi....
Per quanto riguardante invece le nozioni di genetica che ti ha così amabilmente elargito, spiegagli che la consanguineità stretta (inbreeding - ma perché non usate l'italiano?) viene di solito utilizzata agli esordi della creazione di una razza, esattamente per fissare le caratteristiche che saranno poi ben definite in uno standard, ma se da un lato fissiamo caratteristiche che possono essere positive sia a livello morfologico che, si spera, caratteriale, dall'altro le leggi della genetica ci insegnano che eventuali problematiche a livello di salute, vengono amplificate e la possibilità di incorrere in patologie, molto maggiore rispetto ad un accoppiamento in outcrossing (che in italiano traduciamo come incrocio tra soggetti non imparentati tra loro). Classico l'esempio del meticcio o del buon bastardino che, di solito, percentualmente parlando, possiedono una salute migliore rispetto ai soggetti di razza.
Quanto alla codifica numerica sopra esposta:
per 1 intendiamo il padre o la madre
per 2 intendiamo il nonno o la nonna
per 3 intendiamo il bisnonno o la bisnonna
e via di seguito..
percio 2 - 3 significa (a sinistra il padre, a destra la madre) che il cucciolo ha nel pedigree, Fido come nonno paterno, e ancora Fido come bisnonno materno.
Ecco, adesso hai molti elementi coi quali poter parlare con "l'allevatore".
Il mio consiglio? 1,800 euro se li vada a guadagnare nei campi a raccogliere la frutta.....


grazie Robby, hai dato una spiegazione molto esaustiva _appl_
...Prisca ... non ti dimenticheremo mai...
..Arek .. Morghi.. Rex.. per sempre nel mio cuore....
Avatar utente
LauraeArek
 
Messaggi: 2797
Iscritto il: 12/11/2014, 21:30
Località: Trentino
Sesso: f
Età: 0
Chi sono: Appassionato di lunga data (oltre 10 anni)

Re: Riproduttori selezionati e inbreeding... mi delucidate?

Messaggioda Robby » 30/04/2015, 10:24

Deleide ha scritto:Grazie, sei stato molto esaustivo e gentile. Sono furiosa... mi ero fidata di lui e ora non so che fare. Non voglio rinunciare al mio cucciolo, l'ho conosciuto. A questo punto pretendo mi abbassi la cifra e che sia sano, ma ormai questa garanzia non me la può dare piu... Però ho sentito Enci e mi dicono che per quanto riguarda la salute i problemi ci sarebbero se fosse ricerrente nel pedigree una consanguineità. In questo caso è solo una volta, quindi credo che ci siano le stesse probabilità di problemi genetici che in tutti gli altri o sbaglio?


Ti capisco e pure io, che sono abbastanza duro, ma alla fine sono un sentimentalone ( [15] ), visto e conosciuto il cucciolo, non riuscirei a dirgli di no. Pensa che mi avevano dato un cane da addestrare (io sono un hobbysta)... era diventato mio, e alla fine quando ha preso il volo per la Germania, beh fu come aver visto un figlio partire per l'ignoto.
In Italia, da quanto ricordo (tra l'altro io sono un socio della società di razza tedesca e non italiana, quindi non ho più rapporti con la SAS e tanto meno con l'ENCI), non esiste, come in Germania, una normativa che stabilisca il grado di consanguineità ammesso per ottenere il pedigree. Qua puoi incrociare fratello e sorella e, per l'ENCI, se non é cambiata la storia, va benissimo. L'ENCI, di fatto, é sotto la dittatura dei cacciatori, che a livello di allevamento fanno tutto e di più.
Quanto alla casistica sulle eventuali patologie che il cucciolo potrebbe avere o contrarre, più che altro dipende dalle linee di sangue utilizzate, ovvero se siano linee che, poco o molto, sistematicamente apportino problemi oppure no. In linea di massima in una consanguineità stretta come lo é nel caso del tuo cucciolo, i rischi ci sono: se nel DNA dei cani sono presenti geni responsabili di qualche difetto o patologie, come malattie o malformazioni, è molto facile che questi difetti si manifestino, proprio perché si aumenta l'esponente della legge delle probabilità. Quindi, più è stretta la parentela, più sono alte le probabilità di fare dei gran casini.
Ultima modifica di Robby il 30/04/2015, 10:31, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Robby
 
Messaggi: 1150
Iscritto il: 12/11/2014, 23:16
Sesso: M
Età: 0
Chi sono: Comportamentalista

Prossimo

Torna a Allevatori - Allevamento - Regolamenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron