Crea sito

Epatite infettiva del cane

Posted on 11 novembre 2014

L’epatite infettiva del cane è provocata da un virus canino , che è eliminato attraverso tutte le secrezioni durante le fasi acute dell’infezione e può colpire i canidi in generale. Esso penetra nell’organismo attraverso bocca e naso, si localizza nelle tonsille, per, poi, diffondersi a tutti i tessuti . Nel fegato provoca gravi alterazioni od un’infiammazione cronica , mentre negli altri organi è soprattutto causa di effetti patologici a carico dell’occhio, del rene e dei vasi in genere. A livello renale il virus persiste per lungo tempo e le urine possono rappresentare una fonte di disseminazione dell’agente patogeno, protratta nel tempo (6-9 mesi).

Questa infezione non dimostra predisposizione né di razza né di sesso; possono essere colpiti tutti i cani non vaccinati di qualunque età, ma si riscontra con maggiore frequenza in quelli al di sotto di 1 anno. La sintomatologia è variabile; può presentarsi in forma acuta con febbre assai elevata, vomito, diarrea, dolori addominali, aumento di volume del fegato, presenza di liquido in addome, infiammazione del rene, tonsillite, faringite, alterazioni a carico del cervello. I sintomi oculari possono essere evidenti durante la fase acuta dell’infezione o successivi alla guarigione da una forma subclinica. Nella forma subacuta la sintomatologia è sovrapponibile, ma si presenta in maniera più attenuata. La terapia è di supporto, va protratta sino a che non sia superata la fase acuta della malattia e si basa sul ricorso alla fluidoterapia per via parenterale con supplemento di potassio e zuccheri, alla somministrazione di antibiotici a largo spettro per prevenire l’insorgenza di complicazioni batteriche . E’ opportuno alimentare il paziente con cibi altamente digeribili. La vaccinazione si è dimostrata di grande efficacia per la prevenzione dell’infezione in questione; si consiglia di vaccinare i cani con due dosi di vaccino con un intervallo di 3-4 settimane a 8-10 settimane ed a 12-14 settimane di età.

E’ raccomandato il richiamo annuale.

Comments are closed.

Potrebbe interessarti anche

Animali e Condominio

Non esistono leggi che vietino la presenza di animali in condominio. Sì agli animali da compagni ...